1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>
Danzando news
Oggetto: Danzando news
Data invio: 2014-08-07 14:20:44
Invio #: 86
Contenuto:

danzando_verde

 

 

L‘8 agosto ultimo Aperifestival civitanovese alla Biblioteca Zavatti con i protagonisti del Campus e i coreografi internazionali di Civitanova Danza

 

Venerdì 8 agosto alle ore 18.30 la Biblioteca Zavatti di Civitanova Marche ospita l’ultimo Aperifestival in programma con alcuni tra i più importanti protagonisti della danza internazionale e della formazione coreutica.

 

In una sorta di talk show Gilberto Santini, direttore artistico del Festival Civitanova Danza, intervista Paola Vismara e Frédéric Oliveri, rispettivamente docente della Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro della Scala di Milano e direttore della stessa prestigiosa Accademia che hanno preso parte, insieme ad altri insegnanti di fama internazionale della Scala e dell’Opéra de Paris, al Campus Civitanova Danza per Domani dedicato alla formazione dei più giovani. Grazie alla consulenza artistica di Paola Vismara, più di 180 ragazzi, dai 9 anni in su, hanno potuto seguire (e alcuni stanno seguendo tutt’ora) un programma intensivo con lezioni di danza classica e contemporanea che si sono svolte presso il Teatro Rossini e la Palestra dell'Istituto di Istruzione Superiore "Leonardo da Vinci" di Civitanova Marche.

 

A prendere parte all’Aperifestival dell‘8 agosto sono anche i coreografi che il giorno successivo, sabato 9 agosto, porteranno in scena le loro opere in tutti i teatri della città per la serata di festival nel festival. A partecipare al talk show condotto da Santini sono quindi il coreografo israeliano Hillel Kogan, che sarà sul palco del Teatro Cecchetti con il danzatore arabo Adi Boutrous a indagare il concetto di convivenza in We love arabs; alcuni danzatori della compagnia russa Provincial Dances Theatre, che con lo spettacoloForgot to love al Teatro Rossini si concentreranno sulla lotta che ogni essere umano affronta nella ricerca dell’amore; il coreografo italo-olandese Giulio D’Anna che al Teatro Annibal Caro offrirà uno sguardo sul concetto di r-esistenza chiudendo il festival.

 

Un dialogo, quello che verrà affrontato presso la Biblioteca Zavatti, che svela i concetti fondamentali a cui i coreografi e i danzatori si sono ispirati per creare le loro opere e un approfondimento nel mondo affascinante da cui provengono e in cui si parla la stessa lingua: la danza. A seguire sarà offerto un piccolo aperitivo.

 

L’ingresso è libero. Info 3460956505

Biblioteca Comunale “S.Zavatti”, Viale Vittorio Veneto 124, Civitanova Marche

 

 

seguici su facebook  twitter 

[Questo indirizzo non è abilitato alla ricezione. Per rispondere scrivi a danza@amat.marche.it]


Le Stagioni