1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

PDFStampaE-mail

   

GARETH DICKSON
IN CONCERTO
in collaborazione con Klang altri suoni, altri spazi

GARETH DICKSON

Disco breve ma intenso, quello di Gareth Dickson. Verrebbe da dire fuori del tempo se, o meglio ancora la temporalità, non lo inabitasse in modo originalissimo. La voce e la chitarra ricordano inevitabilmente Nick Drake, ma si sente che qui è lui, Gareth Dickson, con la sua voce sognante e ovattata, col rigore del suo fingerpiking accompagnato da tocchi di tastiere e archi che ne dilatano l'atmosfera, con i suoi abbozzi di melodie incantate. L'uso di eco e riverbero creano ancor più un'aura, ricercata come un rabdomante (The solid world), come una presenza fantasmatica ma non inquietante, un mistero ch con garbo si concede nello stesso momento in cui svanisce. La nota di presnetazione richiama la concezione della temporalità di Bergson, come rammemorante percorso interiore. In questo contesto, il suggello è l'incantata, soffusa cover finale dei Joy Division (Atmosphere titolo quanto mai appropriato in questo caso), in cui il rigore pop-ascetico dell'originale è stemperato, ma nella forma più che nella sostanza. Del resto è difficile trovare due voci, due cantanti così diversi, come quelli di Ian Curtis e Gareth Dickson. Eppure si avverte una sintonia profonda. Qui la nostalgia non è passatismo, ma una visita discreta, come il cnato di Vashti Bunyan (Two halfs), altra presenza non causale, come non è certo un caso che Dickson sia collaboratore fidato della leggenda del folk. Un songwriting, quello di Gareth, che si fa "pensiero poetante", per usare l'espressione che Antonio Prete utilizza per Leopardi: "Unire la malinconia per il declino all'incanto per l'apparire, il senso della finitudine al desiderio che la dilata fino alla soglia dell'impossibile" (A. Prete, Il cielo nascosto. Grammatica dell'interiorità).
Girolamo Dal Maso, "Blow Up"

SAN LORENZO IN CAMPO_TEATRO TIBERINI 24 marzo 2017

Biglietti euro 10 IN PREVENDITA QUI 

 

Le Stagioni