1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

PDFStampaE-mail

   
IL GATTO CON GLI STIVALI

uno spettacolo di Marcello Chiarenza
con Maurizio Casali e Mariolina Coppola
regia Claudio Casadio
musiche originali Cialdo Capelli
produzione Accademia Perduta/Romagna Teatri

nell'ambito di ANDAR per FIABE
storie fantastiche nei teatri della provincia di Pesaro e Urbino

il gatto con gli stivali

In questo spettacolo pensato per tutti i bambini, anche per i più piccoli, i magnifici oggetti di scena di Marcello Chiarenza sono co-protagonisti di un lavoro in cui gli artisti - accompagnati da musiche completamente originali – narrano una storia e interpretano un testo in cui si rincorrono poesia e stupore.

Com'è il profumo del pane appena sfornato? buono! il profumo e anche il pane! come si fa il pane ce lo spiega un mugnaio, perché è nel suo mulino che si produce la farina per fare il pane ed è in un mulino che prende il via la fiaba del Gatto con gli stivali. La storia è nota: un mugnaio, ormai vecchio, decide di lasciare mulino e asino ai due figli maggiori e al più piccolo, non avendo altro, lascia il gatto che si rivelerà subito un gatto molto speciale perché capisce, parla e ragiona. Eccome se ragiona! chiede subito al suo padroncino un sacco di farina vuoto - beh, al mulino ce ne sono tanti! - e un paio di stivali. Per farne cosa? il giovane mugnaio decide di fidarsi del gatto e si ritroverà proprietario di un castello e sposo di una principessa!
I due artisti in scena, alternando i ruoli di attori, narratori e animatori, rappresentano la storia in modo dolce e delicato, con semplicità, efficacia e situazioni comiche, punteggiate di piccole gag e momenti di stupore.

Questa fiaba classica, nata nel 1500 e riproposta in diverse versioni anche di Perrault e dei Fratelli Grimm, è giunta fino a noi senza mai sbiadire il proprio forte ascendente sull'immaginario dei bambini di tutto il mondo. Si tratta infatti non solamente di un racconto picaresco in cui un giovane sfortunato la spunta sui ricchi e i potenti, ma di una vicenda che suggerisce come la parte animale e istintiva che alberga in ognuno di noi abbia il potere di stupire, di emergere nei momenti di difficoltà e infine di cambiare il corso della vita.

 

URBINO_TEATRO SANZIO domenica 28 gennaio 2018 ore 17.30

BIGLIETTI
posto unico numerato euro 8 | ridotto euro 5 [da 4 a 14 anni] | 0,50 euro [da 0 a 3 anni]

Biglietteria del Teatro 0722 2281 aperta la domenica di spettacolo dalle ore 16

 

 

ASCOLI PICENO_TEATRO VENTIDIO BASSO domenica 15 aprile 2017 ore 17.30

BIGLIETTI
posto unico numerato 8 euro | 4 euro ridotto fino a 14 anni | 0,50 euro da 0 a 3 anni

 

Biglietteria del Teatro 0736 298770 aperta dal martedì al sabato dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 16.30 alle ore 19.30. La domenica di spettacolo aperta dalle ore 16.30

 

Le Stagioni