1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

PDFStampaE-mail

   

a.Artisti Associati, Teatro Verdi di Pordenone e Associazione Malte
con sostegno di Fondazione CRUP e il patrocinio di Associazione Italiana Dislessia
MARIA ARIIS, CARLA MANZON

CRONACHE DEL BAMBINO ANATRA

di Sonia Antinori
costumi Ilaria Bomben
scene Enzo Sammaritani
disegno luci Angelo Cioci
regia Gigi Dall'Aglio

CRONACHE DEL BAMBINO ANATRA 221 LdA

La nostra società non ama le imperfezioni. Sollecitano il sospetto, in qualche caso il rifiuto. Si teme la differenza, quindi si evita di comprenderla. La vita degli imperfetti diviene solitaria, dolorosa, forse rancorosa. Questo spettacolo li racconta, gli imperfetti, a partire dall'età più bella, a volte disgraziatamente infelice: l'infanzia.

Cronache di un bambino anatra è incentrato sul tema della differenza, a partire dalla "dislessia", la difficoltà di lettura che riguarda una percentuale altissima di individui (in Italia dal 3% al 5% dei bambini, nei paesi anglofoni addirittura il 17%). Solo da qualche anno è stata riconosciuta la nozione di disturbo specifico dell'apprendimento (DSA) sollevando così da un giudizio di valore bambini a lungo vittime di una generale incomprensione.
Il testo dello spettacolo è nato dopo due anni di ricerca sul campo, in cui l'autrice ha incontrato persone affette dai disturbi, genitori, insegnanti e studiosi. Ne è scaturito uno spettacolo semplice come una fiaba, con personaggi riconoscibili (una madre, un figlio) e una struttura classica, in questo caso raccontata con salti temporali per coprire cinquant'anni di vita, dall'infanzia del figlio negli anni Sessanta fino ai giorni nostri. La storia comincia infatti dalla fine, dal momento del lutto di un uomo che alla scomparsa della madre ripercorre gli snodi emotivi della sua relazione. Una madre angustiata dal senso di colpa per aver compreso il proprio figlio troppo tardi, la sua battaglia contro se stessa e i pregiudizi di una società inconsapevole, i dubbi, i nuovi modelli e gli orizzonti di una didattica che cambia fanno da sfondo ai primi anni del bambino. La madre e il figlio dislessico sono vittime di un macrocosmo costruito su regole astratte inadeguate.

 

MONTECAROTTO TEATRO COMUNALE 7 dicembre 2017

Biglietti euro 12 in prevendita QUI o tramite il Call Center 0712133600

 

Le Stagioni