1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

PDFStampaE-mail

   

Teatro Rebis
in collaborazione con O.S.A. Operai/e dello Spettacolo Associati di Macerata, Gruppo Studentesco 'Officina Universitaria' di Macerata, Teatro Nuovo di Capodarco e Artisti Drama di Modena

MERI BRACALENTE, GIULIANO BRUSCANTINI

SIGNORINA ELSE

Dall'omonima novella di Arthur Schnitzler
soglie Frediano Brandetti
scrittura di scena e regia Andrea Fazzini

Signorima Else 1

Signorina Else è una lettura drammatizzata tratta dall'opera omonima del 1924 di Arthur Schnitzler, uno dei primi autori ad occuparsi del tema della violenza sulle donne: una violenza sottile, sociale, patriarcale, una violenza di 'costume', strisciante, che vede protagonista un'adolescente schiacciata da responsabilità più grandi della sua età. Lettura intesa come partitura di scena, attraversamento drammaturgico del racconto di Schnitzler, alla ricerca delle sue nervature più enigmatiche, lasciando affiorare dal testo i momenti meno descrittivi e più emozionali, tratteggiando la geografia di un'anima che impercettibilmente, ma anche ineluttabilmente, scivola verso un abisso tragico, con onirica levità.
Se, come diceva Carmelo Bene, la lettura ha un valore di 'non-ricordo, di oblio', questo anelito alla dimenticanza, al distaccamento dalla memoria, questa assoluta necessità di stare nell'attimo, assume nel nostro lavoro un duplice senso, attoriale, ma anche semantico.
Signorina Else, infatti, è anche uno dei primi esempi di utilizzo in letteratura del flusso di coscienza come tecnica narrativa. Introspezione dell'istantaneità delle pulsazioni emotive umane, spesso messa in relazione alle coeve sperimentazioni psicoanalitiche, data anche la fitta corrispondenza tra Schnitzler e Freud. (Andrea Fazzini)

 

MONTEMARCIANO_TEATRO ALFIERI 2 febbraio 2018

Biglietti 10 euro in prevendita QUI o tramite call center 0712133600

 

 

Le Stagioni