1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

PDFStampaE-mail

   

MISTERO BUFFO

di Dario Fo con Matthias Martelli
regia Eugenio Allegri
una coproduzione Teatro Stabile di Torino / Teatro della Caduta
in collaborazione con Teatro Fonderia Leopolda / Comune di Follonica

allegri martelli

Mistero Buffo è irrimediabilmente legato alla figura del suo autore-attore, tanto che sembra impossibile riproporlo senza la sua presenza sulla scena. La nostra scommessa è proprio questa: riportare in vita Mistero Buffo restando fedeli all'interpretazione di Dario Fo e alla tradizione giullaresca da lui riscoperta, rimanendo però diversi, differenti e distinti. Solo così si può restituire Mistero Buffo come un classico immortale del Teatro Italiano: facendo rivivere il fascino di quest'opera straordinaria con un'interpretazione fedele, ma allo stesso tempo il più possibile personale. Per fare questo abbiamo coinvolto fin dall'inizio del nostro percorso lo stesso Dario Fo, il quale ci ha richiesto un video di una delle giullarate prima di concederci il permesso ufficiale. Abbiamo realizzato il video lo scorso 30 agosto 2016 al Teatro G. Perugini di Apecchio. Il permesso ufficiale è arrivato il 3 ottobre del 2016, dieci giorni prima della morte del Maestro Fo. Ora, il teatro fisico e le acrobazie vocali si fondono in un'unione innovativa che permette di reinterpretare le giullarate di Mistero Buffo facendo leva sulle prerogative attoriali di Matthias Martelli, attore trentenne con all'attivo diversi premi, oltre che un'esperienza non solo nei teatri, ma anche nelle piazze di tutta Italia. A governare registicamente la verve artistica di questo giovane attore è l'esperienza di Eugenio Allegri, attore e regista legato alla Commedia dell'Arte, alla lezione di Lecoq e naturalmente anche al lavoro di Dario Fo, con il quale ha più volte lavorato. Lo spettacolo comprende le seguenti giullarate: Bonifacio VIII, Le Nozze di Cana, Il primo miracolo di Gesù bambino, La resurrezione di Lazzaro messe in scena restituendo l' uso del grammelot modulato sulle differenti abilità vocali dell'attore, con una drammaturgia capace di restituire in chiave contemporanea le celebri "introduzioni alle giullarate" di Fo, costruendo in questo modo una satira nuova, che combini la corrosività delle parodie giullaresche con i temi del mondo moderno.

 

SAN COSTANZO_TEATRO DELLA CONCORDIA 20 gennaio 2018

Biglietti da 10 a 15 euro in prevendita QUI  o tramite call center 0712133600

 

 

Le Stagioni